will gompertz: quando l’arte si fa semplice… da leggere!

Se frequentate quegli strani e sempre più rari posti chiamati librerie, dove giacciono accatastati quegli oggetti un po’ naif chiamati libri, sicuramente questa copertina l’avrete già vista e magari non vi ha incuriosito neanche po’, così piena di scritte, slogan e caratteri retrò.
Si tratta di una pubblicazione del 2013, non proprio nuova quindi ma nemmeno antichissima, edita dai tizi sempreverdi di Electa e vergata da Will Gompertz, autorevole giornalista che si occupa di arte per una piccola e insignificante emittente chiamata BBC.
Il titolo, “E questa la chiami arte?”, appartiene a quella categoria di titoli ironici di particolare successo, tipo “Lo potevo fare anch’io” di Francesco Bonami, oppure “Ma questo è un quadro?” di Angela Vettese e colloca il libro proprio nella categoria di libri ironici e di successo, perché scritti con un linguaggio semplice e comprensibile, unito ad una struttura critica incontestabile e di primissimo livello.
Il nostro Gompertz ci accompagna in un viaggio di oltre un secolo di storia dell’arte, l’ultimo,  trattando, per scelta e dichiaratamente, “solo” pittura e scultura, condendo il tutto con una serie di divertenti aneddoti, alcuni dei quali, anche qui dichiaratamente, inventati.
Da Cezanne, Van Gogh e Monet a Cattelan, Hirst e Tracey Emin, passando per Picasso, Jackson Pollock e Andy Warhol, una serie di collegamenti e di punti di vista molto interessanti e audaci.
Se vi capita di vederlo prendetelo, è un buon libro che si legge in un amen nonostante l’aspetto da bel tomone e le oltre 450 pagine di lunghezza.
Artequando consiglia.
Buona lettura.

Will Gompertz
E questa la chiami arte?
150 anni di arte moderna in un batter d’occhio
2013 – ed. Electa

Co.Ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *