viva bonami

Noi leggiamo Bonami.
Bonami Francesco di Firenze.
Leggete Bonami se siete scettici e curiosi verso l’arte contemporanea.
Leggete Bonami se amate che uno, per sua stessa ammissione, si rivolga spesso non tanto agli addetti ai lavori, quanto ai distratti ai lavori.
Leggete Bonami se non amate la pesantezza del marmo scolpito nell’erudizione, ma potreste apprezzare l’irriverenza verace di chi alla fine, forse, nemmeno si prende troppo sul serio.
Leggete Bonami se volete che qualcuno vi spieghi una volta per tutte e con estrema chiarezza, come fa uno a vincere il Turner Prize accendendo e spegnendo le luci di una stanza completamente bianca.
Leggete Bonami se volete che qualcuno vi faccia capire per benino cosa rende un artista un artista.
Leggete Bonami se vi incuriosisce quello che pensa uno che tutti gli altri che fanno il suo mestiere odiano (ma questo forse vale per tutti quelli che fanno il suo mestiere, in effetti).
Leggete Bonami se avete soldi per comprarvi i suoi libri, ovvio.
Leggete Bonami se avete tempo per leggerli.
Leggete Bonami perché è bravo.
Davvero.
Leggete anche altri, per carità, ma leggete pure Bonami.
Leggete Bonami a caso, entrate in libreria e scegliete il titolo che vi piace di più.
Andate a una mostra, entrate in una galleria, visitate un museo e poi… leggete Bonami.
Seguite artequando e poi leggete Bonami.
Leggete Bonami e poi tornate su artequando.

Uno deve pur avere un riferimento in questo mondo così vario che è quello dell’arte.
Noi ne abbiamo diversi.
Uno è  Bonami.
Bonami Francesco di Firenze.

Questo articolo è serio.
Sul serio.

Bonami non ci ha pagato, non ne ha bisogno.
E’ famoso e stimato in tutto il mondo.

Leggete Bonami.
Ci ringrazierete.

Noi leggiamo Bonami
Viva Bonami.

Bibliografia consigliata:
* Lo potevo fare anch’io – perché l’arte contemporanea è davvero arte (Mondadori, 2007)
* Dopotutto non è brutto – artisti grattacieli ed ecomostri: viaggio in un’Italia più bella del previsto (Mondadori, 2009)
* Dal partenone al panettone – incontri inaspettati nella storia dell’arte (Electa, 2010)
* Si crede Picasso – come distinguere un vero artista contemporaneo da uno che non lo è (Mondadori, 2010)
* Maurizio Cattelan – autobiografia non autorizzata (Mondadori, 2011)
* Mamma voglio fare l’artista! – istruzioni per evitare delusioni (Electa, 2013)
* Curator – autobiografia di un mestiere misterioso (Marsilio, 2014)

Co.Ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *