teatro india + ex mira lanza: range ta chambre; seth

Il Comunicato Stampa dell’evento, azzimato e incravattato come si conviene, esordisce così: “Seth è l’artista che inaugura il progetto 999FOUNDATION Artist Resistance Residency, un ciclo di residenze d’artista frutto della collaborazione tra 999Contemporary e il Teatro di Roma – Teatro Nazionale.”
Fin qui tutto nella norma, comprese l’attesa e l’interesse per il lavoro di un bravissimo artista, per la nuova iniziativa di Stefano Antonelli, curatore ed anima della 999contemporary ed anche per l’inedita location, gli spazi suggestivi del Teatro India, archeologia industriale ai piedi del Gazometro, che un tempo ospitavano la fabbrica della Mira Lanza.
Fatto sta che nel Comunicato leggiamo anche: “la performance avrà inizio alle ore 19,30, ingresso libero fino ad esaurimento posti, la mostra sara’ visibile solo il giorno 7 luglio”.
La performance?
Mostra visibile solo un giorno?
C’è di che alimentare la nostra curiosità.

La prima parte dell’esposizione si snoda in quello che è stato chiamato Atelier India, un ambiente nel quale trovano spazio un’installazione di materiali recuperati ed alcune opere su tela e supporti vari, allestite in modalità osmotica con l’ambiente scorticato e sconnesso.

seth range ta chambre 01

seth range ta chambre 02

seth range ta chambre 03

Tutto bello, tutto ben fatto… ma quindi?
Il quindi arriva subito, quando lo stesso curatore rivela la parte più consistente ed appetitosa della mostra.
Per vedere il resto bisogna fare qualche passo a piedi ed entrare proprio in quella parte dell’ex Mira Lanza che risulta attualmente non accessibile, dismessa e probabilmente pure pericolante.
E’ proprio lì che Seth, da buon artista urbano, a cavallo tra possibilità e illegalità, ha dipinto la gran parte delle opere.
Bisogna quindi entrare in una zona non permessa, bisogna compiere un atto di disobbedienza civile, stavolta la cosiddetta street art sarà proprio street.
Seth si appropria di uno spazio in decadenza, ponendo l’attenzione proprio su una struttura meravigliosa, la ex Mira Lanza, appunto, che solo in parte è stata riconvertita e ristrutturata.

seth range ta chambre 15

seth range ta chambre 13

seth range ta chambre 04

seth range ta chambre 05

seth range ta chambre 06

Tra macerie, libri bruciati, mattoni e travi annerite eccoli i bambini di Seth, esploratori e sognatori, portatori di un messaggio di pace e di fratellanza, attraverso l’innocenza e la fantasia, che spinge questi volti verso mondi immaginari, sicuramente migliori di quello reale.
Nel contesto decadente di questa parte della ex fabbrica queste figure risultano ancora più in grado di produrre naturalmente empatia col visitatore, ti verrebbe da allungare una mano per portarli fuori da un pericolo che comunque percepisci soprattutto tu che osservi, non certo loro, che al limite si coprono gli occhi per non vedere quello che hanno davanti e che proprio tu, adulto e vaccinato, hai contribuito a creare.
Un messaggio solo apparentemente sentimantalistico o psicologico, vista la portata politica di molte opere e, in generale, di tutta la serata così come è stata strutturata.

seth range ta chambre 07

seth range ta chambre 08

seth range ta chambre 09

seth range ta chambre 10

La firma dell’artista, testimoniata nell’immagine di copertina di questo articolo, giganteggia solo alla fine del percorso, quasi a rimarcare come la mostra stessa sia da considerarsi come un unicum e quindi un’opera d’arte nella sua interezza.
Una mostra urbana che parla di degrado non solo architettonico, ma sociale, spingendoci sul crinale dell’illegalità per farci riflettere sugli sprechi e i peccati del nostro tempo, per costringerci a tenere conto di ciò che abbiamo dimenticato e lasciato morire.
Quel delirio di macerie e di distruzione nel quale ci siamo trovati immersi per andare a scovare le opere di Seth, è la realtà “normale” (se di normalità si può parlare) in molte parti del mondo.
Quei bambini in cerca di protezione dal degrado che oggi vediamo dipinti sul muro saranno i nostri figli di domani, se qualcosa non cambierà sul serio nel modo in cui da sempre noi esseri umani siamo abituati a NON risolvere i problemi internazionali.

Grande artista, iniziativa ben realizzata ed evento riuscitissimo.
Sul nostro Instagram sono disponibili molte altre foto ed immagini.

seth range ta chambre 11

seth range ta chambre 12

Teatro India + ex Mira Lanza
Range ta chambre
Seth solo show
a cura di Stefano Antonelli / 999contemporary
7 luglio 2016

Co.Ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *