edoardo tresoldi con “etherea” esagera davvero; che spettacolo al coachella festival in california

“Etherea” è l’installazione site-specific ideata da Edoardo Tresoldi per il Coachella Valley Music and Arts Festival, uno degli eventi musicali più importanti e attesi al mondo e tappa obbligata per migliaia di persone nei due week-end consecutivi del 13-15 e 20-22 aprile a Indio, California. L’artista milanese, noto per le sue grandi sculture in rete metallica esposte in tutto il mondo,…

Continue reading →

street art a lisbona

Lisbona è una delle capitali europee della street art. L’atmosfera un po’ decadente, l’eleganza impolverata ed inquieta e quella malinconia da periferia oceanica di certo aiutano, come anche un’architettura che in parte stimola le spinte grafiche e concettuali di chi di norma lavora sul tessuto urbano. Sarà per questo o per tanto altro che i vicoli…

Continue reading →

piazza tevere + macro: triumphs and laments; william kentridge

Un’opera colossale, un progetto ambizioso quanto può esserlo un omaggio di proporzioni giganti alla città più bella del mondo, da parte di un artista affermato e di livello internazionale. William Kentridge ci lavora da anni, insieme all’associazione Tevereterno, in attesa di permessi e in convivenza forzata con quel drago sputa-fuoco chiamato burocrazia. Cos’è Tevereterno? E’ un’organizzazione…

Continue reading →

galleria varsi: electric breeze; nosego

La Galleria Varsi ci porta stavolta sulle strade di Philadelphia, per la prima mostra personale in Italia di Nosego. Veramente tantissimi gli stimoli visivi offerti da questo trentenne americano, che declina il suo stile tra iperrealismo, fumetto, graffiti ed un uso del colore molto aggressivo e potente. Sulle pareti si snocciola un mondo visionario ed onirico, frutto…

Continue reading →

speciale torino 2015 – paratissima

Un mare trafficato da petroliere e mercantili, con in mezzo, proprio in mezzo, un’isola felice, un cuore pulsante, un polmone di ossigeno puro. Siamo a Paratissima, o meglio, ci stavamo, una decina di giorni fa. Una periferia di immagini confuse, corridoi concentrici che ospitano artisti che di fatto si auto-espongono e poi al centro dello spazio…

Continue reading →