eterotopia: linguaggi ultra contemporanei; ex dogana

Uno spazio che ha la particolare caratteristica di essere connesso a tutti gli altri spazi, ma in modo tale da sospendere, neutralizzare o invertire l’insieme dei rapporti che essi stessi designano, riflettono o rispecchiano: questo è Eterotopia.
Il luogo dove un tempo si controllavano merci per via ferroviaria e che oggi è in attesa di un cambio di destinazione, ospita cinque artisti Ultra Contemporanei che donano un nuovo volto a queste sale, facendo interagire le loro creazioni con lo spazio circostante.
Le illusioni ottiche di Sbagliato, l’antiestetico fascino del trio Canemorto, le istallazioni in rete zincata e ombre di Edoardo Tresoldi, le imponenti sculture di Jacopo Mandich e i mistici interventi di Borondo danno vita a dei vuoti luoghi reali aperti su altri luoghi la cui funzione è di far comunicare tra loro degli spazi.
Noi siamo stati all’affollatissima inaugurazione di questo progetto curato da Studio Volante.
Qui sotto una minuscola traccia di quello che potrete ammirare fino al 3 ottobre 2015 all’Ex-Dogana, In via dello Scalo San Lorenzo 10 a Roma.

Borondo @ Eterotopia
Borondo @ Eterotopia
Canemorto @ Eterotopia
Canemorto @ Eterotopia
Edoardo Tresoldi @ Eterotopia
Edoardo Tresoldi @ Eterotopia
Sbagliato @ Eterotopia
Sbagliato @ Eterotopia
Jacopo Mandich @ Eterotopia
Jacopo Mandich @ Eterotopia

Co.Ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *