daniel buren: una cosa tira l’altra

La nostra rubrica Cronache di mostre non viste, ci porta anche questa volta a rimpiangere una nuova occasione imperdibile perduta.
A parte il fatto che ogni scusa sarebbe buona per andare a San Gimignano, un posto talmente bello da sembrare impossibile… ma stavolta proprio non era pensabile non rispondere presente ad un appuntamento con uno dei più importanti artisti dei nostri giorni in una delle gallerie più prestigiose e autorevoli d’Italia e del mondo.
Daniel Buren esponeva infatti, fino al 6 aprile, alla Galleria Continua: “una cosa tira l’altra, lavori in situ e situati, 1965-2015“, il titolo della mostra.
Il percorso espositivo si componeva di un nutrito numero di quadri storici allestiti nelle sale al primo piano della galleria e di un’opera inedita, di grandi dimensioni, che l’artista francese ha concepito appositamente per la platea dell’ex cinema-teatro, il cuore pulsante di questo spazio meraviglioso dedicato da circa vent’anni alla diffusione dell’arte contemporanea.
Insomma… non si poteva non andare.
Non ci siamo andati.
Ci rimane solo questo video per poterci fare un’idea di cosa ci siamo persi.
Ahinoi.
Il video, prodotto da Continua, ci mostra l’artista stesso che parla del proprio lavoro, in lingua francese (ovviamente) ma le immagini parlano chiaro anche per chi non mastica l’idioma gallico.
Eccolo qui.
Buona visione.
Noi lo rivediamo con voi, mentre ci rosicchiamo le unghie per non esserci stati.

Il video: https://vimeo.com/123136784

Co.Ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *