dalla bibliografia di angela vettese: tre consigli per una lettura facile e immediata

A noi piacciono i libri comprensibili, scritti da persone che riescono a spiegare cose difficili con un linguaggio semplice e diretto. L’arte contemporanea appartiene, in effetti, alle “cose difficili” e perciò si presta ai paroloni, alle filosofie ardite e alle pippe mentali. Certamente è più difficile spiegare un argomento complesso con parole chiare, la capacità…

Continue reading →

in attesa dell’auto, la bio. marina abramovic tutta da leggere.

La sua autobiografia è prossima. Quando sarà pubblicata (entro la fine di quest’anno) non ce ne sarà per nessuno, anche perché lei, Marina Abramovic, “la nonna della performance art” (così lei stessa si definisce), non ha mai dato l’impressione di volersi nascondere, semmai, al contrario, di volersi continuamente svelare. Questo libro che vi proponiamo oggi…

Continue reading →

quando la storia (dell’arte) vince sul gossip.

Siamo probabilmente uno dei paesi più influenzati dalla cronaca rosa e dal voyeurismo, al punto che anche il concetto di “biografia”, nel cinema ma anche nella letteratura, molto spesso si lascia guidare da una caratteristica epidermica morbosità. Elena Del Drago, storica dell’arte contemporanea e giornalista, prova, con ottimi risultati, a sfidare questa triste realtà. “C’eravamo…

Continue reading →

la bellezza di frugare negli angoli: ketty la rocca. nuovi studi

In tempi nei quali ai primi posti delle vendite di libri risultano molto spesso personaggi come comici, sportivi o presunti intrattenitori televisivi, esiste un’editoria di avanguardia, coraggiosa e testarda, che nel mare magnum delle pubblicazioni di settore tenta ancora di proporre contenuti, analisi e punti di vista dettagliati su quel mistero chiamato arte contemporanea. Postmedia books,…

Continue reading →

ignoratelo oppure odiatelo, ha comunque vinto lui. damien hirst… da leggere!

Ci sono persone che hanno la caratteristica di finire al centro di polemiche e discussioni ogni volta che i loro servigi vengono accostati a musei, mostre, esposizioni o ancora meglio (o peggio, a seconda dei punti di vista) ad opere pubbliche. L’inglese Damien Hirst è uno di questi. Artista o truffatore? Incredibile ma vero, questa è la domanda più diffusa….

Continue reading →