la frase di fabre XXXII

Se non conoscete Jan Fabre, andate su Google e digitate “Jan Fabre”. Non possiamo mica spiegarvi tutto. La frase di oggi: ANVERSA, 20 FEBBRAIO 1980 Dell’arte concettuale ho le tasche piene. L’arte non ha niente a che vedere con la democratizzazione del sapere. Un pubblico che comprende tutto rende tutto mediocre. Spero che i miei autoritratti…

Continue reading →

contemporary cluster: contemporary cluster #01; alessandro cannistrà

A pochi giorni dalla pubblicazione su queste pagine di una lunga ed interessante intervista con Giacomo Guidi, direttore artistico del nuovissimo spazio romano Contemporary Cluster, ecco qui un breve resoconto dell’opening, sabato scorso, con protagonista assoluto Alessandro Cannistrà. Iniziamo subito col dire che salta agli occhi l’idea di intitolare questa prima mostra col nome della…

Continue reading →

biennale 2017: il padiglione italia… quello vero

Attese, pronosticate, sognate e in parte addirittura pre-giudicate senza ancora conoscerle (come sempre), sono finalmente arrivate le scelte di Cecilia Alemani per il Padiglione Italia alla prossima Biennale di Venezia. A rappresentare l’arte italica saranno Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey. Non è che adesso, dopo l’avvenuto snocciolamento dei nomi, si possa pure finalmente…

Continue reading →

la frase di fabre XXXI

Se non conoscete Jan Fabre, andate su Google e digitate “Jan Fabre”. Non possiamo mica spiegarvi tutto. La frase di oggi: ANVERSA, 14 FEBBRAIO 1980 Non voglio legarmi a uno stile, a un mezzo, a un gruppo… Voglio muovermi imperterrito attraverso tutte le categorizzazioni e tutte le epoche. a cura di: Co.Ma

Continue reading →

giacomo guidi: contemporary cluster

Giacomo Guidi, 34 anni da poco compiuti, ex campione di scherma. Dopo diverse esperienze apre Contemporary Cluster, all’aventino, “zona con un karma pazzesco”, dice. Da qualche tempo il suo interesse verso l’arte visiva si è modificato in qualcosa di molto più ampio e questo nuovo spazio sembra proprio rappresentare una svolta verso questa idea di contaminazione dei generi che ha sempre sognato di…

Continue reading →